Questo sito non supporta completamente il tuo browser. Ti consigliamo di utilizzare Edge, Chrome, Safari o Firefox.

SPEDIZIONE GRATUITA VERSO L' ITALIA SOPRA AI 90€ / RITIRO IN NEGOZIO GRATUITO

Le migliori fibre naturali eco-sostenibili

Le migliori fibre naturali eco-sostenibili

Sostenibilità e moda sono due argomenti che ad oggi vengono spesso accostati, nonostante ci sia ancora un clima di scarsa affidabilità. In realtà molti brand si stanno mobilitando per tentare di ridurre in maniera importante il proprio impatto ambientale, e cercano di farlo partendo dall'utilizzo di fibre eco-sostenibili. Con l'articolo di oggi vogliamo porre l'attenzione sulle fibre naturali, ovvero quelle che non richiedono particolari lavorazioni chimiche e meccaniche per essere realizzate. Partendo dal presupposto che una fibra naturale non è sempre considerabile eco-friendly, andiamo di seguito ad analizzare caratteristiche, peculiarità e differenze tra quelle che possono essere definite sostenibili. 

 
COTONE ORGANICO
Il cotone organico è sicuramente la fibra eco-friendly più comune, quella maggiormente utilizzata e diffusa tra i brand di abbigliamento, considerata l'alternativa migliore al cotone standard.
Ma dove sta le reale differenza tra le due tipologie di cotone?Il cotone organico viene coltivato seguendo le regole dell’agricoltura biologica come avviene per i prodotti alimentari.
Ciò comporta tutta una serie di ulteriori differenze che portano il cotone organico verso una maggiore sostenibilità ambientale:
1) Esclusione di pesticidi, fertilizzanti, diserbanti e sostanze tossiche nocive per l’ambiente e per la salute umana
2) Minor consumo di acqua
3) Rotazione delle colture che garantisce al terreno di "riposare" rimanendo così vivo e sano
4) Defogliazione che avviene in maniera naturale, grazie agli agenti atmosferici
Questo tipo di coltivazione biologica richiede ovviamente maggior tempo e maggior lavoro per la produzione del cotone, ed è per questo motivo che ne alza il costo in maniera importante. Il risultato però è quello di una fibra naturale estremamente versatile e di ottima qualità, che può vantare diverse caratteristiche di vantaggio rispetto al normale cotone:
- morbidezza e freschezza al contatto con la pelle
- favorisce il riciclo di aria tra tessuto e pelle
- biodegradibile, dunque lasciato in natura viene decomposto dai batteri
- assenza totale di sostanze tossiche 
Purtroppo però ad oggi l’agricoltura biologica nella coltivazione del cotone copre meno dell’ 1% della sua produzione totale.
 
CANAPA
Questa pianta viene spesso demonizzata in quanto maggiormente conosciuta per il suo consumo illegale in diversi stati, e di conseguenza vengono snobbate le sue incredibili qualità nell'impiego in differenti settori. Nel settore della moda la canapa è una fibra naturale ancora poco impiegata, ma che è in grado di raggiungere picchi incredibili a livello di sostenibilità ambientale, andiamo a vedere perchè:
1) Non necessita di pesticidi, diserbanti e fertilizzanti durante la coltivazione
2) Cresce rapidamente ed ha un’alta resa di fibre estratte per ettaro di terra coltivato, 250% in più rispetto al cotone
3) Consuma un bassissimo quantitativo di acqua
4) Lascia il terreno sano e in condizioni eccellenti, rilasciando materiale organico
La sua lavorazione estremamente manuale comporta numerosi vantaggi per l'ambiente, a tal punto da essere uno delle poche fibre considerabile Sostenibile anche in assenza di una certificazione tessile. Andiamo però a vedere quali sono le sue fantastiche qualità quando viene trasformata in abbigliamento:
- resistenza alla trazione otto volte superiore a quella del cotone, ovvero indistruttibile
- tessuto ipoallergenico e non irritante per la pelle, con totale assenza di sostanze tossiche
- perfetto per ogni temperatura in quanto è in grado di assorbire o respingere il calore a seconda della condizione
- biodegradibile, dunque lasciato in natura viene decomposto dai batteri
- non restringe e non scolora
Raccomandiamo di lavare a mano tutti i prodotti in canapa, in quanto l'utilizzo di lavatrice e asciugatrice potrebbe alterarne le fibre, costringendo così il vostro capo a perdere lentamente le sue migliori qualità.
 
LINO 
Un'altra fibra naturale piuttosto comune, che può essere considerata sostenibile è il lino. La fibra di Lino può vantare un'incredibile versatilità che la rende in grado di realizzare capi di abbigliamento perfetti sia per l'estate che per l'inverno. Al contrario di ciò che comunemente si pensa il lino reagisce alle stagioni, assicurando il giusto calore a contatto con la pelle durante i mesi più freddi e un'incredibile sensazione di freschezza durante quelle più caldi. La sua coltivazione avviene in maniera naturale e andiamo dunque ad analizzare le sue due principali caratteristiche: 
1) Nessun utilizzo di sostanze chimiche durante il processo di coltivazione 
2) Nessun processo artificiale per ottenere il tessuto 
Il risultato finale garantisce una resistenza alla trazione notevolmente superiore a quella del cotone, oltre che un'ottima risposta alla degradazione causata dal calore, da qui il suo vastissimo impiego durante i mesi più caldi. Da molti ritenuta la fibra tessile più resistente al mondo, i capi di abbigliamento realizzati in lino possono vantare le seguenti caratteristiche: 
- incredibile sensazione di freschezza al contatto con la pelle 
- grande capacità di assorbimiento dell'umidità 
- biodegradibile, dunque lasciato in natura viene decomposto dai batteri 
- maggiore longevità rispetto ai capi di abbigliamento in cotone
Le caratteristiche pieghe ruvide del lino sono destinate a diventare sempre più morbide e meno evidenti dopo numerosi lavaggi.
Siamo dunque giunti al termine di questo articolo, vi ringraziamo per averlo letto e vi diamo appuntamento a settimana prossima con il Blog di Shenty.